Lasciare andare: perché è un atto di coraggio

lasciare-andare

Anche se molto spesso non è facile rendersene conto, la tendenza al possesso o al controllo, delle situazioni che viviamo così come delle persone a cui teniamo, funge da ostacolo alla nostra felicità.
Per questo è importante imparare a lasciare andare, liberarsi dall’ossessione del controllo e lasciare che la vita segua il suo flusso, senza cercare di opporci al naturale evolversi delle cose.

Il filosofo cinese Lao Tzu scriveva: “La vita è una serie di cambiamenti spontanei e naturali. Non opporre loro resistenza: questo crea solo dispiacere. Lascia che la realtà sia realtà. Lascia che le cose fluiscano naturalmente in avanti in qualsiasi modo loro piaccia”.

Lasciare andare una persona, un’emozione, uno schema mentale o qualcosa a cui continuiamo ad aggrapparci, è importante per prendere coscienza di sé e progredire nel proprio percorso di crescita personale.

Ancora una volta, la tua agenda motivazionale può essere un valido supporto, per acquisire consapevolezza non solo di te stesso, ma anche di ciò che ti tiene ancorato a situazioni che ostacolano il tuo benessere mentale.

Lasciare andare una persona

La parte più difficile del lasciare andare comincia proprio dalle relazioni.
Questo accade perché siamo ossessionati dall’idea di possedere e perché vivere un rapporto con qualcuno che sfugge al nostro controllo è qualcosa che genera ansia.
È un problema molto frequente l’incapacità di vivere con serenità un rapporto che non è definito da un’etichetta.
Vogliamo che l’altro ci appartenga, vogliamo essere in grado di garantirne la presenza ed evitare che si allontani contro la nostra volontà.
È proprio qui che risiede l’importanza di saper lasciare andare una persona: essere capaci di riconoscere e rispettare gli spazi altrui, di non limitare la libertà di azione di chi ci è intorno, è fondamentale per avere rapporti più appaganti e, sopratutto, autentici.

Superare le delusioni con la filosofia del “Panta rei”

Superare una delusione, accettare la fine di qualcosa, specialmente se si tratta di qualcosa a cui teniamo particolarmente, non è mai facile.
È necessario entrare nell’ottica che non è mai possibile (né giusto) avere il controllo di qualcosa o qualcuno che è “altro da noi”. In altre parole: è necessario accettare la filosofia del “Panta rei”.
La famosa espressione, figlia della filosofia greca, presuppone che “essere” vuol dire “fluire, divenire”; il mondo è in perenne mutamento ed evoluzione e tutto si trasforma all’interno di questo flusso.
Per superare le delusioni è necessario accettare che tutte le cose del mondo sono in costante evoluzione.
Sopratutto nei rapporti, imparare a lasciare andare è di primaria importanza: se qualcuno vorrà tornare da noi, lo farà di sua spontanea volontà, e non per nostra imposizione.

La tua agenda motivazionale, il tuo asso nella manica

Quando si tratta di lasciare andare una persona, un’opportunità lavorativa, un’occasione mancata, un obiettivo non raggiunto, ecc. la tua agenda motivazionale Life Planner può essere il tuo migliore alleato.
In determinate circostanze, cercare di capire cosa non ha funzionato può essere utile e costruttivo; ma ci sono situazioni in cui bisogna imparare a lasciare andare e rendersi conto che non è colpa nostra se le cose sono andate in un certo modo.
Inizia ad annotare sulla tua agenda i tuoi pensieri e le tue impressioni e usa le mappe emozionali per monitorare i tuoi stati d’animo.
Quando senti che il peso della delusione si fa troppo grande e non ti permette di andare avanti con la tua vita, ritrova la spinta motivazionale di cui hai bisogno con Life Planner.

A volte ripartire è molto più facile di quanto tu creda!

Share this post