Pensiero controfattuale: perché la nostra mente cerca scenari alternativi in cui rifugiarsi

“E se avessi scelto un percorso di studi diverso?”
“E se mi fossi trasferito in un’altra città?”

“E se non avessi lasciato il mio ex?”

Immaginare scenari alternativi, pensare a come sarebbe la nostra vita se avessimo fatto scelte diverse, è un meccanismo molto comune (molto più di quanto pensiamo), ed è proprio ciò che s’intende quando si parla di pensiero controfattuale.

Ipotizzare una realtà diversa da quella che stiamo vivendo è un processo mentale che attuiamo spontaneamente e non necessariamente negativo: molto spesso, può esserci d’aiuto per metterci in discussione e analizzare le cause che ci hanno portato ad una condizione che non reputiamo soddisfacente.

Allo stesso modo, però, se esplorare situazioni alternative diventa un’ossessione, i risvolti possono essere nocivi, alimentando le nostre ansie e impedendoci di accettare il presente.

Cos’è il pensiero controfattuale?

Partiamo dall’abc: che cos’è e come agisce il pensiero controfattuale?

Potremmo definirlo come la tendenza a immaginare scenari alternativi alla realtà, che si manifesta in particolar modo come reazione a situazioni negative o stressanti.

Ogni giorno ci troviamo a dover prendere decisioni, più o meno importanti, che investono ogni ambito della nostra vita: lavorativo, personale, familiare, relazionale, sentimentale…

Prendere una decisione è come trovarsi dinanzi ad un bivio: dobbiamo necessariamente imboccare una strada piuttosto che un’altra.

Purtroppo, però, non sempre l’esito delle nostre scelte è quello sperato ed è dunque inevitabile porsi la domanda: “Cosa sarebbe successo se avessi scelto un’altra direzione?”

Rischi e benefici del pensiero controfattuale

La prima delle funzioni del pensiero controfattuale, è quella di aiutarci a ricostruire la catena di eventi, in termini di causa-effetto, che ci hanno condotti all’attuale status quo.

Partendo proprio da questo, ci troviamo a modificare le circostanze passate e ad immaginare finali alternativi.

Se da un lato può essere utile per guardare le nostre scelte passate con occhio critico, e di conseguenza costituire un momento di crescita, prendendo coscienza di cosa non ha funzionato, dall’altro può trasformarsi in una sorta di fuga dalla realtà, tutt’altro che costruttiva.

Rimuginare costantemente su ciò che avremmo potuto fare e che non abbiamo fatto, non serve ad altro che ad alimentare un senso generale di frustrazione, senso di colpa e ansia per il futuro, ostacolando così il nostro percorso di crescita personale e tenendoci ancorati ad un passato che saremo sempre più convinti di non aver vissuto al pieno delle nostre possibilità.

Come volgere questo meccanismo a nostro favore

Quando ci sentiamo sopraffatti dai rimpianti, la prima cosa da fare è riflettere su tutte le conseguenze positive che le nostre scelte passate hanno avuto sul nostro presente.

Ad esempio: Se avessi scelto un indirizzo di studi diverso, probabilmente avrei intrapreso un percorso che non era nelle mie corde. Oppure: se stessi ancora con il mio ex, ora starei vivendo una relazione infelice e avrei finito con il privarmi di tante esperienze che si sono rivelate altamente formative, e così via.

Il pensiero controfattuale può esserci utile come punto di partenza per prendere coscienza degli errori passati e non commetterli una seconda volta.

Ma come fare a volgere a nostro favore il pensiero controfattuale e imparare ad accettare il presente?

Anche in questo, la tua agenda coach Life Planner può essere d’aiuto. Puoi sfruttare tutti gli spazi dedicati alle riflessioni personali per stilare una lista di ciò che ti soddisfa e di ciò che invece vorresti migliorare del tuo presente.

Quali sono le lezioni più importanti che ho imparato nell’ultimo mese?
Quali obiettivi ho raggiunto? Quali devo ancora raggiungere e cosa posso fare a riguardo?

Rispondere a queste semplici domande che trovi alla fine di ogni mese, può servire davvero come spinta motivazionale verso il futuro e aprirci un ventaglio di possibilità che fino ad ora non avevamo considerato.

Stenti a crederci? Perché non fare un tentativo?
Scopri le agende motivazionali Life Planner e parti a vele spiegate verso il futuro.

Share this post