Rientro al lavoro: come ritrovare la concentrazione

Rientro-al-lavoro

Finita l’estate, con il ritorno alla vita di sempre molte persone vivono un momento un po’ particolare. Quello che pesa è il rientro al lavoro e alle incombenze di tutti i giorni, col pensiero che ci vorrà almeno un anno per poter rifare le vacanze tanto desiderate.

Diverse ricerche hanno rilevato che almeno un italiano su dieci è alle prese con la cosiddetta sindrome da rientro, a cui sono legati numerosi disagi fisici e malesseri psicologici. Ma altri studi segnalano anche un miglioramento del rendimento lavorativo, proprio grazie alla vitalità recuperata in vacanza.  

Insomma, il mese di settembre con il ritorno al lavoro e la riapertura delle scuole segna comunque un nuovo inizio per tutti. Il rientro dalle ferie può diventare un periodo di ripartenza e nuovi propositi, l’ideale per mettere sul piatto progetti e desideri da realizzare. 

Tanto per combattere quella lieve tristezza che puoi avvertire con il ritorno in ufficio, quanto per spronarti a vivere in modo proficuo l’autunno, l’agenda organizer può essere un valido strumento per fissare alcune scadenze importanti e, soprattutto, rispettarle. Ma non solo. Scopri tutte le potenzialità di Life Planner!

Che cos’è la sindrome da rientro

Gli esperti anglosassoni la definiscono “post vacation blues”: si tratta della situazione di disagio e lieve depressione di cui si può soffrire al rientro al lavoro e, più in generale, alla vita di tutti i giorni, quando finiscono le ferie. Il peso di ciò che ci attende a casa o in ufficio diventa opprimente. Irritabilità, calo di attenzione, stress, angoscia, tristezza e stordimento sono alcuni dei principali sintomi della cosiddetta sindrome da rientro. Se da un lato questa condizione non va sottovalutata e non dovrebbe durare più di una o due settimane al massimo, dall’altro può essere una spia di cambiamenti che abbiamo bisogno di attuare nelle nostre esistenze. Meglio non far finta di niente e ascoltare le proprie sensazioni, dando il giusto peso e trovando i modi giusti per superare la situazione di stallo. 

Rientro dalle ferie: tre mosse per affrontarlo 

Dopo un periodo di stacco mentale da compiti e doveri di vario tipo, il ritorno alla quotidianità, che comporta il rientro al lavoro, può essere un momento critico. La parola d’ordine deve essere gradualità: l’ideale sarebbe concedersi qualche giorno “cuscinetto” prima di far ritorno in azienda e calarsi nuovamente nella frenesia delle cose da fare. Ad ogni modo, cerca di recuperare i soliti ritmi con calma, progressivamente, senza voler fare tutto e subito. Il rientro dalle ferie va affrontato a tavola con una dieta equilibrata con pochi carboidrati e pochi grassi, ma con cibi come frutta, verdura, pesce azzurro. 

Riprendi lo sport, sempre con moderazione: almeno tre giorni a settimana per quarantacinque minuti, ma, con un po’ di buona volontà, puoi fare movimento anche tutti i giorni. Ti darà grande benessere!

L’agenda organizer e il rientro al lavoro 

È sempre saggio, oltre che utile e proficuo, organizzare la mole di lavoro per distribuire le proprie forze e ottimizzare tempi e risorsi. In seguito al rientro al lavoro, successivo alla fine delle vacanze, questo è più che mai vero! In tal modo, potrai evitarti una massiccia dose di stress. L’agenda organizer ti aiuta nella pianificazione. Usa attivamente gli schemi settimanali e mensili e aiutati con liste delle cose da fare che ti permettono di avere le idee più chiare e non sprecare energie preziose. Concentrati sulla programmazione, includendo anche qualcosa di piacevole che puoi fare e condividere presto: un weekend fuori porta, serate divertenti, ricorrenze da festeggiare. Sono occasioni che possono portarti nuovi stimoli e nuove opportunità. Hai già fatto il tuo ordine? Altrimenti affrettati: prenota la tua Life Planner, ora disponibile anche in versione 16 mesi

Share this post