Come gestire l’ansia: breve guida per apprensivi incompresi

Come-gestire-lansia

Il respiro si fa corto, vi sentite in affanno, deboli, poco lucidi, il cuore batte forte… Magari siete molto agitati per qualche evento o prova che dovete affrontare. Comprendere come gestire l’ansia è importante per la riuscita legata alla prestazione, ma soprattutto per vivere meglio.  

Si tratta di una delle sensazioni più avvilenti e frustranti che si possano provare. Ci fa sentire impotenti, confusi, in preda all’emotività. Però se si impara a gestire l’ansia si può riprendere il controllo di sé stessi e, per le prossime volte, si può essere in grado di fermarla in tempo ai primi campanelli d’allarme.

È il caso in cui fare muro contro muro e prendere di petto questo aspetto di sé può diventare controproducente. Per combattere l’ansia e avere la meglio su di essa conviene in qualche modo farsela amica, nel senso di imparare con la pratica a governarla e, talvolta, prevenirla. Non è impossibile.

Se vi preoccupa un esame, una presentazione che dovete fare davanti a un pubblico per studio o lavoro, una gara sportiva o, ancora, un appuntamento, la chiave di volta per affrontare tutto con calma e serenità è la pianificazione. Utilizza l’agenda organizer Life Planner per programmare tutto per tempo e coltiva la tua autostima con le frasi motivazionali della tua agenda coaching preferita.

Gestire l’ansia in 5 mosse

Prima di tutto, accettate il fatto di essere in apprensione per qualche motivo, sia esso un fatto privato che legato alla sfera professionale o a quella sociale. La consapevolezza è un primo passo per capire come gestire l’ansia e iniziare a superarla, come ricordano vari esperti. Se potete, uscite a fare una passeggiata o a prendere una boccata d’aria. Dedicate almeno mezz’ora all’attività fisica: non è difficile e potete fare sport tutti i giorni anche per una sana forma di prevenzione. Non dimenticate, inoltre, che per gestire l’ansia è importante respirare bene, con respiri lunghi e profondi. Vi sentite in preda al panico? Chiamate una persona fidata e parlate con lei, anche davanti a un caffè. Vi sentirete più leggeri e più propositivi.  

Combattere l’ansia con la mindfulness  

Anche la meditazione è un valido aiuto contro ansia e agitazione, soprattutto quando rischiano di diventare eccessive in un dato periodo. La pratica della mindfulness può rivelarsi un utile strumento per comprendere come gestire l’ansia e non farsi divorare “dalla paura della paura”. Proviamo a osservarci e ascoltarci attentamente. Possiamo anche utilizzare le mappe delle emozioni di Life Planner e scrivere qualche considerazione nelle pagine bianche dell’agenda. Aumentiamo la nostra presa di coscienza, diventando più consci dei nostri limiti, ma anche delle nostre risorse, facendo la tara tra aspettative e realtà. Per combattere l’ansia a volte può essere importante cambiare abitudini, prospettive e visioni della vita, non per forza snaturandoci, ma mostrandoci più flessibili nelle nostre idee e richieste.

Agenda organizer, alleata contro l’ansia

Riuscire a vivere le giornate in modo più sereno, con minore affanno, è una conquista a cui si può arrivare con un allenamento costante e quotidiano. Per comprendere come gestire l’ansia serve utilizzare in modo proficuo un’agenda come la Life Planner, pianificando giornate, settimane e mesi e avendo sempre sotto controllo impegni e scadenze. Ottimizzare tempi, risorse ed energie grazie all’agenda organizer aiuta a ritagliarsi del tempo per sé quotidianamente per scaricare la tensione e tenere a bada lo stress. Per non parlare del weekend, quando sarebbe bene staccare dallo studio o dal lavoro per almeno 24 ore. Il che è fattibile con un’attenta e scrupolosa organizzazione. Ne vale la pena!

Share this post